Complimenti a Trentino Diatecx campione del mondo!

Mediocredito, partner da sempre della società, si congratula con Trentino Diatecx che risale sul tetto del mondo per la quinta volta!

Complimenti a Trentino Diatecx campione del mondo!

Nella foto da sinistra il direttore Pelizzari e il presidente Mosna stringono soddisfatti la coppa del mondo

Dopo sei anni la Trentino Diatecx torna a scrivere il proprio nome nell’albo d’oro del Mondiale per Club, conquistando il suo quinto titolo iridato di sempre. L'impresa è avvenuta alla Hala Sportowa di Czestochowa, dove i gialloblù hanno superato in una finale tutta italiana la Cucine Lube Civitanova, grande favorita alla vigilia della manifestazione.

Il Presidente Diego Mosna è raggiante: "Uno dei motivi per i quali abbiamo fortemente voluto portare la squadra a questa manifestazione era quello di offrirle una grossa opportunità per crescere bruciando qualche tappa. Anche l’allenatore era fermamente convinto che ci avrebbe aiutato a migliorare e così è stato. Trovo poi particolarmente importante aver vinto una finale contro la Lube, perché contro di loro venivamo da una serie di sconfitte lunghissima. Se è accaduto è perché tutto lo staff ha lavorato molto bene, soprattutto chi si occupa della salute dei giocatori, che gioca un ruolo sempre più importante. Ora godiamoci questa coppa, ma penso che solo fa qualche giorno, a mente serena, potremo realizzare con precisione i contorni di questo successo".

Il capitano Simone Giannelli, nonchè miglior palleggiatore del mondiale, commenta a caldo: "Non so cosa dire, sono un po’ frastornato, ho pianto come un bambino, perché questo titolo per noi è una liberazione. Dopo lo scudetto della stagione 2014-2015 siamo arrivati tante volte fino all’atto finale, ma poi ci è sempre mancato qualcosa per vincere. Stavolta invece siamo entrati in campo convinti di avere la possibilità di realizzare qualcosa di importante e ci abbiamo messo tutto quello che avevamo, consapevoli del fatto che per battere campioni come quelli della Lube bisogna giocare al limite".